Breaking News

Lavoratori poveri

Lavoratori poveri

di Antonella Salvatore

Lavorare duramente per essere, e rimanere poveri. Questa è la condizione di milioni di lavoratori in Europa, Italia inclusa. Lo dicono i numeri. Avevamo parlato dei working poor un anno fa e torniamo a parlarne oggi perché la situazione resta critica. Il tema è stato affrontato nuovamente anche giovedì scorso in conferenza a Bruxelles.

Bassa intensità lavorativa

Intanto definiamo chi sono i lavoratori poveri. Tutte quelle persone che, pur avendo un’occupazione, sono a rischio povertà perché il loro reddito non supera il 60% del reddito medio nazionale. Uno degli elementi che caratterizza la povertà lavorativa è la cosiddetta intensità lavorativa, ossia quante ore al mese il lavoratore risulta mediamente impiegato. Questo dato appare preoccupante in molti paesi, innanzitutto in Portogallo, dove il 54% degli occupati ha una bassa intensità lavorativa. Ma anche l’Italia non se la passa bene, perché la percentuale degli occupati che lavorano poche ore al giorno, o poco frequentemente, è superiore al 40%.

I lavoratori poveri sono soprattutto giovani, donne e stranieri

Un fattore parimenti importante nel determinare la in work-poverty è dato dal numero di persone occupate nel nucleo famigliare. Quando a lavorare è un solo membro della famiglia, il rischio di povertà lavorativa sale rapidamente.  Ma anche l’età, il sesso, e la provenienza geografica sono elementi di rischio. I giovani e le donne, innanzitutto, con lavori spesso instabili, prestazioni occasionali, lavoro nero, sono esposti alla povertà lavorativa, e la pandemia lo ha dimostrato. Per fare un esempio, nel 2020 il tasso di occupazione femminile è sceso dell’1,3% mentre quello maschile dello 0,7%. Allo stesso modo, se nel 2019 il 60,1% dei residenti stranieri risultava occupato, nel 2020 il 35% di questi ha perso il lavoro a causa della pandemia. Gli stranieri residenti in Italia rappresentano l’altra grande fascia di popolazione fortemente esposta alla povertà lavorativa.

Non è colpa della pandemia

Ma non diamo colpe al Covid-19. La pandemia ha solo acuito un problema che nel nostro paese era già esistente. Già nel 2019 infatti, la percentuale di lavoratori poveri in Italia superava ampiamente il 13%. Non avendo ancora gli ultimi dati mensili, possiamo solo intuire che i fatti più recenti, come guerra, inflazione, bollette, sicuramente non aiuteranno queste fasce di lavoratori.

Foto di Christin Hume su Unsplash

OCL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *