Breaking News

Robotica, economia e lavoro

robotica economia lavoro

di Andrea Bellezza

Un’adeguata cultura del lavoro non può prescindere dall’indagare le attualissime e prolifiche relazioni tra robotica, automazione, economia e lavoro. Anzi, oltre che dal conoscere non può esimersi dal partecipare, e ancor più dall’orientare positivamente questi fenomeni. Una tematica ampia e complessa, ove collidono contributi scientifici molteplici e variegati, ma soprattutto una sfida cruciale, che cova stridenti minacce, ma anche floride opportunità, in alcuni casi inaspettate.   

Robot e robotica

Il legame tra robotica ed economia non è nuovo in agenda. Lo osserviamo infatti già in quella che conosciamo come ‘terza rivoluzione industriale’, cui assistiamo a partire dalla seconda metà del secolo scorso. L’avvento dell’automazione, ovvero di componenti operative automatiche, che possiamo chiamare robotiche, è un elemento costitutivo di questo fenomeno, assieme all’elettronica e al computer. Qualche definizione di base. Il robot è uno strumento meccanico, animato elettronicamente, in grado di compiere operazioni seriali e automatiche. La robotica è il settore che presidia la progettazione e produzione di robot. Uno snodo interdisciplinare che, a partire dall’ingegneria meccatronica, vede la convergenza di ingegneria, informatica, elettronica, automazione, meccanica, chimica, biologia, psicologia, linguistica, comunicazione, pedagogia e, l’avreste mai detto, filosofia. 

L’impatto della robotica sull’economia

Ciò che attualmente è innovativo nei rapporti tra robotica ed economia non è l’avvento dei robot – che afferisce come detto alla terza rivoluzione industriale. Bensì la convergenza con altre tecnologie, come intelligenza artificiale, I.O.T. e mixed reality, che determina quella che chiamiamo ‘quarta rivoluzione industriale’ o ‘Industry 4.0’. Il tratto centrale dell’industria 4.0 è il sistema cyber-fisico, CPS o cyber-physical systems. -Ovvero un sistema in grado di operare dinamicamente e senza soluzione di continuità tra fisico, artificiale e virtuale con capacità computazionale, di comunicazione e controllo. I principi costitutivi di queste soluzioni sono l’interoperabilità, il decentramento delle decisioni, la disponibilità delle informazioni, l’integrazione verticale e orizzontale, la capacità di auto-assistenza. 

Le tecnologie e l’impatto sul lavoro

Diamo un’occhiata alle altre tecnologie che compongono il framework 4.0. Intanto l’intelligenza artificiale. Ossia l’ideazione e lo sviluppo di software che sono in grado di compiere azioni complesse riconducibili all’intelligenza umana, come imparare, pensare, scegliere. Poi la mixed reality, che consiste nell’integrazione tra la realtà virtuale e quella aumentata. La prima ci consente di entrare in scenari virtuali. La seconda ci permette di aggiungere contenuti virtuali alla realtà fisica che vediamo con i nostri occhi. Ma anche l’internet delle cose o I.O.T., cioè l’ampliamento del concetto di rete internet agli oggetti, con processi di comunicazione che riguardano strumenti, artefatti, elementi fisici. Per finire, menzioniamo i big data. Metodi e strumenti per gestire e analizzare dati che non solo sono tantissimi, ma molto diversi tra loro ed in perenne e fulmineo cambiamento. In questo contesto la robotica è l’elemento fondamentale per agire sui domini fisici, ma non può essere più concepita senza l’interazione con gli altri elementi citati. 

Foto di Photos Hobby su Unsplash

OCL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: